Dal vangelo secondo Tonino

Oggi giravano e rigiravano come anguille, in quel di Torino-San Paolo, gruppetti sparpagliati di donne in avanzato stato di decomposizione. Avvicinavano i passanti con l’ intento di consegnare loro un microscopico flyer, con su scritto a caratteri cubitali “Gesù ti ama”, e attaccare bottone (l’argomento della chiacchierata, come facile intuire, non era a scelta). Le donne, che d’ora in avanti saranno soprannominate “le profete”, si mostravano piuttosto coinvolte nell’esercitare la mansione di stagiste per Lor Signore. Viste le smorfie incarognite, poi, era evidente il loro viscerale disappunto quando qualche miscredente osava respingere al mittente il bieco messaggio d’amore (impresso su carta straccia venti grammi, un materiale da PagineGialle, che, anche senza bisogno di miracoli, qualcuno è perfino riuscito a strappare col pensiero)…
Anche il mio amico Tonino, che due anni fa ne ha fatti sessanta, si è rifiutato di prendere il volantino, avendo compreso immediatamente, da buon uomo di mondo, l’insidia spiritua(na)le. Allora, è nato il dialogo seguente, davvero surreale:

Profeta 1: “Prego, tenga” (sporgendo il flyer)
Tonino: “No, grazie, non m’interessa…”
Profeta 2 (tremante di delirio): “GESU’ TI AMA!”
Tonino: “Non mi serve, a me basta che mi amino i miei nipoti…”
Profeta 1 (definitiva): “MA DIO E’ PIU’ IMPORTANTE!”
Tonino (in foggiano): “Dei miei nipoti!? VA CURCATI!” (dirottando definitivamente lo sguardo sui nipotini sul passeggino e imboccando la retta via, Corso Peschiera)

Ora, non so se questo invito finale, che in italiano vale un “ma vai a dormire!” decisamente meno colorito, gli garantirà mai la salvezza eterna, ma se Iddio, che è molto più autoironico (lo evidenzia la Vita!) della maggioranza dei suoi seguaci, fosse iscritto a qualche ben noto social network e fosse incappato in questa storia, sono sicuro che almeno un “mi piace” o un “retweet” glielo avrebbe garantito.

Tratto dal “Vangelo secondo Tonino” 

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *