Il @PifferaioMagico

(N.d.A. Quanto segue è una sorta di “upgrade” della celebre favola “Il Pifferaio Magico” ai nostri tempi. Tempi ambigui, in cui nuove tecnologie e strumenti di comunicazione danno spesso origine a situazioni grottesche e paradossali. La fiaba originale del XIII secolo, che appartiene alla tradizione tedesca ed è stata trascritta anche dai fratelli Grimm, può essere letta qui)

C’era una seconda volta, dopo un radicale upgrade, una tranquilla e ridente smart-city di nome Hamelin. I suoi abitanti erano sempre vissuti felici e connessi grazie alle reti wi-fi offerte gratuitamente dal Comune, fino a quando, un brutto giorno, l’armonia cessò.
Leggendo le righe seguenti scoprirete il perché e, se questa favola dei nostri giorni vi insegnerà qualcosa, vi esorto a condividerla cliccando sulle apposite icone social.

Firewall abbattuti, connessioni boicottate, password rubate sono misfatti ormai all’ordine del giorno qui ad Hamelin, da quando le vie telematiche sono state invase dai topi… informatici!
Si intrufolano in ogni dove: pc, tablet, smartphone e addirittura smart-tv. Centinaia di finestrelle pop-up spuntano da ogni angolo del display e più gli internauti cercano di chiuderle più queste si riproducono a cascata.
I cittadini, esasperati, hanno così deciso di rivolgersi direttamente al sindaco per esortarlo a pubblicare sul sito istituzionale quanto meno una guida alla risoluzione dei problemi.
Il passaparola si è rincorso sui social network e la cittadinanza tutta in questo momento è radunata davanti ai monitor per chiedere lumi al primo cittadino, in videoconferenza…

...LEGGI TUTTO

L’ora della verita’ – racconto breve

“Il tempo, si sa, vola a volte veloce come un uccello, a volte scivola lento come un verme, ma la sensazione migliore per l’uomo sta nel non accorgersi nemmeno se il tempo stia trascorrendo piano o in fretta”
Ivan Sergeevič Turgenev, Padri e Figli

E’ mattina presto, suona la sveglia dell’orologio digitale supermegaipertecnologico sul comodino e trenta secondi dopo quella del vecchio pendolo appeso alla parete.

DIGITALE: Alla buonora! Pare che abbiamo dormito bene, eh?!

PENDOLO: Hai poco da far lo spiritoso, non è colpa mia se sono in ritardo…

DIGITALE: Non è colpa sua, ma sentitelo: è che sei imperfetto, ti perdi i secondi per strada. Ammira piuttosto la mia precisione. Aspetta, attivo la funzione ‘calendario’… Ecco, sono due anni, tre mesi, sette giorni, nove ore e quindici secondi che non sbaglio di un centesimo…

...LEGGI TUTTO

Fabulous Cocktail, allena la fantasia

L’ho battezzato Fabulous Cocktail, ma non è il nuovo bastardissimo superalcolico in vendita nei peggiori bar di Caracas, bensì un esercizio di pura fantasia che mi piacerebbe introdurre in futuri corsi di scrittura creativa. Avete mai pensato di prendere a zonzo alcuni frammenti di favole classiche, mixarli e shakerarli fino a creare una trama del tutto nuova? Se siete in vena di fantasie, magari in una goliardica serata tra amici, riponete nel mobile-tv i controller Wii o il Kinect e impugnate la cara veccia bic. Con Fabulous Cocktail inventerete nuove mirabolanti avventure …non sempre avvincenti come l’originale, ma sicuramente più divertenti.

Di seguito alcune storielle esemplificative dal taglio pulp-trash. Fabulous Cocktail è rigorosamente social e open source.

...LEGGI TUTTO

La regina va a rotoli

Naming: una favola originale merita protagonisti originali
C’era una volta una Regina che era talmente buona, bella e profumata che ogni uomo non solo la mangiava con gli occhi, ma avrebbe voluto mangiarla per davvero. La Regina, rimasta sola da diverso tempo, era molto ambita anche a causa di un crudele incantesimo messo in atto dalla Maga Aida: se un uomo avesse mangiato la Regina, questa si sarebbe trasformata in un oggetto di cui quell’uomo aveva realmente bisogno. La Maga Aida, che era anche un grande esperto di Adv, Seo e Viral Marketing, fece di tutto per offrire al mondo intero la Regina su un piatto d’argento. Tv, radio, giornali, Twitter, Facebook, Google adsense non facevano altro che riproporre la sua immagine, accompagnata da messaggi sublimali che la rendevano più appetibile…

...LEGGI TUTTO